Agosto 2018

LunMarMerGioVenSabDom
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Preleva il banner

Logo animato di Centro Prua

bannerino di
Centro Prua.it


Collaborazioni

Logo animato di Diversamente abili.info
Diversamenteabili.info


Tutte le informazioni sulla disabilità.


Logo dell'ospedale riabilitativo di Motta
Ospedale Riabilitativo


NewsLetter


Puoi Iscriverti o Cancellarti

02 aprile 2007.   

Apre oggi l’Ufficio che aiuterà a ridurre i disagi dell’handicap.



CAVALLINO. Aprirà al pubblico oggi, a Cavallino, il "Centro Onlus P.R.U.A" (Progettazione e Ricerca per l'Utenza Ampliata), con lo scopo di offrire consulenza e assistenza tecnica, ad Enti pubblici e a privati, per rendere confortevole l'habitat delle persone disabili, nel senso più ampio del termine.
L'attività verrà svolta a titolo gratuito, con sede in via Pordelìo 416, vicino alla "Trattoria Laguna". Si avvale di professionisti volontari, come architetti, ingegneri, medici, insegnanti e non solo, specialisti della materia. E' sorto a Cavallino una diecina di anni fa, come "Associazione", per intuizione e forte volontà del giovane architetto Rodolfo Dalla Mora di Cavallino, che oggi ne è presidente.
Cresciuta strutturalmente, si è trasformata nel 2003 nel "Centro Prua", divenendone presto consulente istituzionale di una ventina di Comuni. Tra questi: Cavallino-Treporti, Jesolo, Oderzo e quello di Padova, per il quale i suoi tecnici hanno svolto, al riguardo, corsi di perfezionamento di "Progettazione Ampliata".
Richieste di tali consulenze giungono, via Internet, da enti e da privati di regioni diverse d'Europa, e riguardano in particolare: l'eliminazione della barriere architettoniche all'interno delle abitazioni; informazioni sulle normative vigenti per accedere ai benefici previsti dalle leggi regionali e nazionali; ricerca di soluzioni tecniche personalizzate per l'autonomia del disabile; studio e applicazione di nuove tecnologie di realizzazione della qualità architettonica, urbanistica e "oggettuale", cioè all'uso di oggetti e di strumenti nel quotidiano del disabile.
"La progettazione architettonica - afferma il presidente Dalla Mora - deve tener conto, impreziosendoli, aspetti diversi: l'ambiente e la qualità della vita, ma non di meno l'accessibilità e fruibilità-edilizia a quanti portano disabilità di tipo fisico, ma anche di tipo psico-sensoriale, come i non vedenti, i bambini autistici e numerosi altri. "Le nostre attenzioni - rileva l'architetto - sono rivolte allo studio e all'applicazione di nuove tecnologie architettoniche rivolte alla mobilità, accessibilità e fruibilità dell'ambiente, in senso ampio del termine.

(Egidio Bergamo) Il Gazzettino del 02-04-2007

LOGIN

  

Registrati

Recupera Password


Sondaggi

Come vi sembra questo sito?

1

2

3

4

5

6

7

Statistiche

Utenti Online:1
Anonimi: 1
Registrati: 0

AccessKey

Questo sito è navigabile anche da tastiera! Per raggiungere un link presente nel menu della sezione digitate "alt" + la lettera iniziale del link (con IE anche "invio")


Per la navigazione tra le sezioni, menù orizzontale, si utilizzano i numeri tra parentesi.